Le tre pellicole, fonti di Rian Johnson per The Last Jedi

Star Wars: Gli Ultimi Jedi uscirà nelle sale americane solo il prossimo 15 dicembre 2017, ma su internet già da mesi si susseguono rumor – Un poster giapponese parla di una verità scioccante – , presunti spoiler – Pablo Hidalgo rivela nuove informazioni su The Last Jedi – e idee strampalate – Finn è figlio di Leia e Lando: la teoria shock – . Vi vogliamo parlare di una cosa abbastanza certa: Rian Johnson, il regista del prossimo capitolo, in un’intervista con Collider, ha descritto le sue fonti di ispirazione, in particolare citando tre film che sono stati per lui molto importanti per scrivere e girare le scene del nuovo episodio della saga creata da George Lucas.




Caccia al ladro di Alfred Hitchcock

La prima delle tre fonti è Caccia al ladro (To Catch a Thief), un film del 1955 diretto da Alfred Hitchcock. La storia narra del riscatto del protagonista Cary Grant dopo aver passato la vita come ladro di preziosi: in particolare in una scena l’attore ferma un suo “ex collega” cercando di spiegargli l’importanza di vivere in maniera socialmente accettabile. Ovviamente è diretto il confronto con il personaggio di Finn che deve ancora dimostrare di aver abbandonato per sempre il suo retaggio da soldato d’assalto del Primo Ordine: per farlo si metterà alla caccia di un super villain interpretato da Benicio del Toro.

Cielo di fuoco di Henry King





Cielo di fuoco (Twelve O’Clock High) è un film con Gregory Peck del 1949 diretto da Henry King, basato su un romanzo di Beirne Lay Jr. e Sy Bartlett. Una pellicola che aveva già influenzato il maestro George Lucas per le scene di combattimento aereo di Star Wars: Una Nuova Speranza, in particolare per la missione finale suicida che accomuna i due film. A quanto pare il Generale Leia Organa invierà Poe Dameron e il vice ammiraglio Holdo ad abbattere un gigantesco Star Destroyer, probabilmente quello in cui risiede il Leader Supremo Snoke. A quanto pare però, seguendo la trama di Cielo di fuoco, la missione potrebbe essere fallimentare.

Tre samurai fuorilegge di Hideo Gosha

Tre samurai fuorilegge (Sanbiki no samurai) è un film giapponese del 1964 di Hideo Gosha. La pellicola è incentrata sulla figura di un Ronin, un  Samurai che non risponde ad alcun padrone. Costretto alla fuga e ricercato, trova rifugio in una stalla nella quale tre uomini umili origini hanno rapito la figlia del malvagio feudatario del villaggio. Un atto di ribellione morale contro lo sfruttamento della povera gente da parte dei signori feudatari. Secondo Nerdist, del film di Gosha sono state prese come riferimento le crude scene di duello con le katane / spade laser.  Sarà forse Luke questo “ultimo samurai” pronto a combattere, anche da solo, per porre fine definitivamente al nuovo Impero creato da Snoke e dai suoi Cavalieri di Ren?




Star Wars VIII – The Last Jedi

The Last Jedi uscirà il 13 dicembre nelle sale italiane e due giorni dopo in quelle americane. Potremo dunque godere nuovamente di un’anteprima mondiale, come successo per Il Risveglio della Forza. Nel cast troviamo Daisy Ridley, Mark Hamill, John Boyega, Carrie Fisher e gli altri attori già incontrati in Star Wars: Il Risveglio della Forza. Al cast si aggiungono Benicio del Toro, Laura Dern e soprattutto Kelly Marie Tran. L’attrice californiana avrà un ruolo di spicco nel nuovo film.

Come vi sembrano le fonti di Johnson? Conoscevate già queste tre pellicole? Fateci sapere le vostre opinioni lasciando un commento. Seguiteci su Facebook e Telegram per restare aggiornati sulle novità del mondo Star Wars.

Articolo di Gianluca Falletta da Satyrnet.it, il primo portale geek italiano.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: